MURA MEGALITICHE

Questo tratto di recinto murario, che si può rintracciare  presso via della Valle e prosegue  all’interno di orti e cantine private, può essere  datato al VII-VI secolo a. C. Probabilmente è il residuo della più antica cinta muraria, più interna, che racchiudeva l’acropoli della città. (Fonte: Franco Della Rosa “Murature in opera poligonale”- Gruppo Ricerca Fotografica)

clicca sulle immagini per ingrandire

MURA GIARDINI D'INVERNO, LATO OVEST

Porzione di mura poligonali e medioevali

La cerchia muraria  più esterna, la quale può essere ricondotta al IV-III secolo a.C.,  si estende ai due lati della centralissima Porta Romana per circa 800 metri ed è formato da blocchi megalitici detti poligonali per la loro forma geometrica, ma non regolare. Nella parte superiore e in altri punti della cinta l’opera difensiva invece è di periodo  medievale. I viaggiatori europei del ‘700, impressionati dalla massa dei blocchi e dalla possanza delle mura, diffusero la credenza che la cinta fosse opera della mitica popolazione dei Pelasgi. Di fatto si tratta di un ingegnoso lavoro di compatta sovrapposizione delle pietre, senza uso di malta cementizia, dovuto a costruttori locali, il cui studio archeologico è ancora in corso. Fonte: www.comune.amelia.tr.it

clicca sulle immagini per ingrandire

Porzione di mura tardo romane

Presso i “Giardini d’Inverno”, si può individuare un tratto di mura visibilmente  diverso, per forma, dimensione delle pietre e materiale, dai due tratti di mura poligonali che lo fiancheggiano. Si tratta di un rifacimento di epoca tardo-romana, probabilmente successivo ad un crollo. (Fonte: Franco Della Rosa “Murature in opera poligonale”- Gruppo Ricerca Fotografica)

clicca sulle immagini per ingrandire

MURA POLIGONALI, LATO SUD

PASSEGGIATA VIRTUALE

PASSEGGIATA LUNGO LA VALLE

Classi quinte 19 Gennaio 2012

Il video è stato pubblicato come"non elencato", significa che può essere visualizzato solo con collegamento al relativo link e che non verrà visualizzato nelle aree pubbliche di YouTube, come i risultati di ricerca.

Il paesaggio

clicca sulle immagini per ingrandire

Esempi di "reimpiego"

I reperti romani spesso vennero riutilizzati, nel Medioevo, per costruire nuovi edifici. Durante la nostra escursione lungo la cinta muraria, abbiamo osservato questi reperti, di due dei quali abbiamo trovato la ricostruzione grafica su questi testi:

SCUOLA MEDIA STATALE AUGUSTO VERA “Le iscrizioni del centro storico” A. S. 1988–89, classe III A

Scuola Elementare J.Orsini II- classi V Alfa, Beta e Gamma A. S. 1999 - 2000

Curiosando nella storia di Amelia

clicca sulle immagini per ingrandire

IL PAESAGGIO TRA PORTA POSTEROLA E PORTA LEONE

clicca sulle immagini per ingrandire

LE NOSTRE CARTOLINE

clicca sulle immagini per ingrandire

LAVORO IN CONTINUITA' CON LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

I ragazzi della prima B della Scuola Secondaria di primo grado A. Vera hanno analizzato dal punto di vista geografico il paesaggio amerino, con l'Insegnante Carla Egizi ed hanno composto delle poesie, riferite agli scorci panoramici della nostra città, con la guida dell'Insegnante Cassiani Daniela.

MURA CROLLATE (18-01-2006)

Il crollo per circa trenta metri di un tratto di mura poco al di sotto della torre del S. Uffizio, avvenuto il 18 gennaio 2006, ha posto l’accento sulla necessità di una efficace tutela e valorizzazione di tutta la cinta muraria e del suo immenso valore storico, da trasmettere alle future generazioni (dal sito del Comune di Amelia).

clicca sulle immagini per ingrandire

ED ORA...GAMBE IN SPALLA, NE VALE LA PENA!

DIREZIONE DIDATTICA

STATALE   

"JoleOrsini"

Via Cinque Fonti, 94  05022 AMELIA (TR)

www.dirdidatticamelia.it

Webmaster Ins. Beatrice Lorenzoni